giovedì 17 gennaio 2008

Le notti di Salem

Questo pomeriggio ho terminato la lettura de "Le notti di Salem" di Stephen King. Che dire: è un romanzo avvincente dalla prima all'ultima pagina. L'ho letteralmente divorato. E ancora una volta (di King ho letto anche "Cell", un'allucinata apocalisse postmoderna) mi ha lasciato a bocca aperta l'abilità dell'autore nel dipingere i propri personaggi, anche quelli che vivono il tempo di una pagina: non solo ne descrive il carattere, i comportamenti, la psicologia ma riesce a farci sentire chiaramente qual è la "visione del mondo" di ognuno di essi. I suoi personaggi conducono vite più o meno normali, eppure proprio grazie a questa straordinaria profondità descrittiva dell'autore sono unici e irripetibili. Proprio come le persone con cui condividiamo il nostro angolo di mondo. Realismo kinghiano?


Altamente consigliato!


2 commenti:

Aka ha detto...

sembri speciale...ti leggerò ancora, se vorrai scrivere...

Cinnamologus ha detto...

Grazie per l'apprezzamento! :-)